Pidoni, pitoni o pituni fritti alla messinese

Una vera delizia della rosticceria messinese! Tranquilli non sono serpenti!!!

Ingredienti per l'impasto
1 kg di farina
30 gr di lievito
20 gr di zucchero
20 gr di sale
40 gr di olio extravergine di oliva
acqua q.b.
Per la farcitura
1 cespo di scarola riccia
700 gr Sikanino Zappalà
500 gr pomodori maturi
150 gr acciughe salate o sott'olio
Olio extravergine d'oliva q.b.
Olio per friggere q.b.

Per prima cosa iniziate a preparare la farcitura. Lavate il cespo di scarola riccia, eliminando le foglie esterne. Tagliate la scarola e riponetela in un recipiente condendola con olio e sale. Tagliate a dadini il Sikanino Zappalà o un altro formaggio a pasta filata. Lavate e tagliate i pomodori anch'essi a dadini. Lavate sotto l'acqua corrente le acciughe salate e spezzettatele. Il segreto di questa ricetta è non far lievitare la pasta, quindi dopo aver preparato tutti gli ingredienti iniziate a lavorare la pasta. Aggiungete alla farina il lievito, lo zucchero, il sale, l'olio, l'acqua e impastate fino ad ottenere una pasta liscia e morbida come un impasto per pizza. Dall'impasto ricavate circa 20 palline che stenderete per formare dei dischi in una sfoglia non troppo sottile. A questo punto se disponete di uno stampo per calzoni potrete utilizzare quello per aiutarvi nella chiusura dei pidoni, altrimenti seguite l'antica preparazione tradizionale a mano. Procedete come segue: su metà disco riponete la scarola, il formaggio, i pomodori e le acciughe. Chiudete quindi con l'altra metà formando una mezzaluna. Sigillate il condimento all'interno aiutandovi con i denti di una forchetta con i quali schiaccerete i bordi dei vostri pidoni. In una pentola dai bordi alti riponete circa un litro/ un litro e mezzo di olio per friggere. Quando l'olio sarà ben caldo friggete uno o due per volta i vostri pidoni. Servite ben caldi.

Nessun commento:

Posta un commento